Presentati i dati del cinema italiano per il 2011

Stabili produzioni e investimenti ma mercato in difficoltà nonostante i successi dei film italiani negli ultimi anni

La produzione cinematografica italiana ha i numeri a posto ma si trova di fronte a un mercato in difficoltà e in trasformazione.
E’ questo il primo elemento che è emerso stamattina dalla esposizione dei dati 2011 della produzione italiana, presentati alla stampa e agli operatori del settore dal Direttore Generale per il Cinema, Nicola Borrelli e dai presidenti dell’ANICA, Riccardo Tozzi e dei produttori, Angelo Barbagallo.

I film prodotti nel 2011 sono stati 155, 13 in più rispetto all’anno precedente e anche l’investimento da capitali italiani è stato abbastanza stabile rispetto al 2010, toccando quota 333 milioni di euro.
Importante il contributo pubblico e soprattutto quello relativo alla norma del tax credit che ha portato alla produzione una cifra intorno ai 68 milioni di euro (21%) che, sommati al contributo pubblico tradizionale (28 milioni di euro), porta a un investimento complessivo dello Stato per il Cinema di 96 milioni di euro, ovvero il 29% degli investimenti italiani complessivi.
Per la prima volta i dati hanno analizzato la ripartizione geografica del consumo in sala di cinema italiano, riscontrando una differenza significativa tra nord e sud: il pubblico del nord Italia, infatti, consuma cinema italiano molto meno, in percentuale, rispetto al Mezzogiorno. Sopra la media nazionale, che è del 37,3%, troviamo regioni come la Basilicata (56,9%) e il Molise (56%), ma anche la Puglia (50,5%) e la Sicilia (47,5%), mentre in coda al consumo di pellicole nazionali ci sono Trentino Alto Adige (24,5%) Friuli Venezia Giulia (28,9%), Lombardia (31,5%) ed Emilia Romagna (32,5%).
Molto problematica anche la programmazione di cinema italiano nelle televisioni, sia generaliste che satellitari e digitali: le sole 34 prime visioni di cinema nazionale in tv nel 2011, e una quota intorno al 20% di programmazione di pellicole italiane su Sky, contro il circa 40% di quota nazionale in sala, sono gli elementi critici su cui lavorare.
Elemento dirompente, infine, quello della pirateria on line: “rischiamo di far crescere una generazione che pensa che Internet sia il luogo naturale su cui vedere i film gratuitamente. Ma così si distrugge il cinema”, ha affermato Riccardo Tozzi, chiedendo in tal senso un intervento forte del governo.

I DATI

 

FORUM DEL CINEMA ITALIANO – LE QUESTIONI APERTE

 

 

Condividi suShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Commenti chiusi.

Archivio del cinema italiano
Facebook Page Twitter Account YoutTube Channel Instagram Profile
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...