Contributi selettivi

Contributi selettivi

 

I contributi selettivi sono uno dei principali strumenti predisposti dalla Legge 14 novembre 2016, n. 220 (Art. 26). Il decreto attuativo 31 luglio 2017, poi modificato con due provvedimenti successivi a gennaio e a marzo 2019 (leggi il decreto / leggi le modifiche), definisce in linea generale i requisiti delle opere e dei destinatari e le procedure di candidatura e selezione. Il dettaglio è rimandato ai bandi annuali dedicati alle diverse finalità previste dalla norma, al fine di garantire la massima chiarezza possibile.

 

Diverse sono le linee d’intervento:

 

Scrittura di sceneggiature

  • Destinatari: cittadini italiani ed europei fiscalmente residenti in Italia
  • Finalità: promuovere la scrittura di sceneggiature (originali o tratte da altra opera non audiovisiva) di opere cinematografiche, televisive e web.

 

Sviluppo e pre-produzione

  • Destinatari: imprese cinematografiche e audiovisive italiane ed europee fiscalmente residenti in Italia e qualificabili come produttori indipendenti.
  • Finalità: sostenere lo sviluppo e pre-produzione di opere cinematografiche, televisive e web, videogiochi.

 

Produzione

  • Destinatari: imprese cinematografiche e audiovisive italiane ed europee fiscalmente residenti in Italia e qualificabili come produttori indipendenti.
  • Finalità: sostenere la produzione di opere di nazionalità italiana (vedi decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri), così identificate:
    • opere cinematografiche prime e seconde o di giovani autori, con precise linee guida sul budget;
    • opere cinematografiche di particolare qualità artistica, con precise linee guida sul budget;
    • opere cinematografiche “difficili” con costo di produzione inferiore a 1,5 milioni di euro
    • documentari, con costo di produzione inferiore a 1 milione di euro
    • cortometraggi, con costo di produzione inferiore a 200.000 euro);
    • opere di animazione, senza specifiche sul budget.

 

Distribuzione nazionale di opere cinematografiche

  • Destinatari: imprese cinematografiche e audiovisive italiane ed europee fiscalmente residenti in Italia.
  • Finalità: sostenere la distribuzione di opere di nazionalità italiana (vedi decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri), così identificate:
    • opere cinematografiche prime e seconde, di giovani autori, “difficili” realizzate con modeste attività finanziarie, di particolare qualità artistica;
    • opere cinematografiche difficili, con modeste risorse finanziarie, e di particolare qualità artistica che hanno avuto accesso ai benefici selettivi;
    • documentari;
    • cortometraggi;
    • film d’animazione.

A seguito della modifica del decreto (vedi il testo) il bando annuale individua specifici criteri di valutazione, con particolare riferimento alla stagionalità, e può altresì circoscrivere l’attribuzione di contributi alle attività di distribuzione svolte nel periodo estivo.

 

Distribuzione internazionale di opere cinematografiche e televisive

Tale tipologia di contributo viene assegnata da Istituto Luce – Cinecittà che, sentite le associazioni di categoria e l’Istituto per il Commercio Estero (ICE), provvede a emanare uno o più bandi approvati con decreto dal Direttore Generale del Cinema. Tali bandi sono rivolti a venditori, distributori internazionali, produttori cinematografici e audiovisivi italiani, a sostegno di attività di:

  • distribuzione internazionale in sala di opere cinematografiche italiane;
  • partecipazione delle opere cinematografiche e audiovisive italiane ai principali mercati internazionali;
  • internazionalizzazione delle imprese di produzione italiane, soprattutto se di piccole dimensioni, attraverso la partecipazione a festival e mercati di rilevanza internazionale, a missioni commerciali e/o istituzionali.

 

Esercizio cinematografico

  • Destinatari: imprese di esercizio cinematografico con requisiti di micro imprese di nuova costituzione oppure ubicate in comuni con popolazione inferiore ai 15.000 abitanti.
  • Finalità: sostenere le attività di
    • diffusione della cultura cinematografica, caratterizzate dal radicamento sul territorio di riferimento;
    • iniziative di coinvolgimento del pubblico giovanile;
    • realizzazione di particolari iniziative volte a favorire l’intrattenimento culturale di persone con disabilità o patologie tali da impedire una normale fruizione di opere audiovisive;
    • realizzazione di particolari iniziative volte all’inserimento culturale e sociale di soggetti con problemi di emarginazione;
    • strategie di multiprogrammazione.

 

La valutazione dei progetti e l’assegnazione del contributo sono effettuati da una commissione appositamente designata ogni tre anni dal Ministro dei Beni e delle Attività Culturali, composta da esperti di chiara fama e comprovata qualificazione professionale nel settore cinematografico e audiovisivo, e suddivisa in tre sottocommissioni per la valutazione dei progetti (vedi decreto di nomina). La partecipazione è a titolo gratuito.

La Direzione Generale del Cinema realizza una pre-istruttoria specialistica sulle istanze presentate, avvalendosi della collaborazione gratuita di professionisti del settore (leggi l’avviso per l’autocandidatura).  Tra i criteri di valutazione stabiliti nel decreto, si segnala che sono tenute da conto anche caratteristiche di Pari opportunità di genere nella composizione della parte autoriale.

Sono previste da decreto tre scadenze annuali per la presentazione delle domande; le risorse assegnate sono ripartite in parti uguali tra le tre sessioni.

Ogni anno il bando definisce la dotazione di ciascuna linea di intervento e sottocategoria di opera. Per ciascuna linea di intervento, almeno il 15% delle risorse disponibili è riservato a imprese e reti di nuova costituzione.

 

2020 – leggi il bando

 

2019 – leggi il bando

risultati prima sessione:

sviluppo e pre produzione

produzione

distribuzione

risultati seconda sessione:

produzione

sviluppo e pre produzione

risultati terza sessione:

produzione

sviluppo e pre produzione

 

 

2018 – leggi il bando

risultati prima sessione:

sceneggiatura

sviluppo e pre produzione

produzione

risultati seconda sessione:

sceneggiatura

sviluppo e pre produzione

produzione

risultati terza sessione:

sceneggiatura

sviluppo e pre produzione

produzione

 

risultati distribuzione nazionale prima, seconda e terza sessione

 

 

2017 – leggi il bando

risultati prima sessione:

sceneggiatura

sviluppo e pre produzione

produzione

risultati seconda sessione:

sceneggiatura

sviluppo e pre produzione

produzione

risultati distribuzione nazionale prima e seconda sessione

risultati distribuzione internazionale prima e seconda sessione

 

 

 

Commenti chiusi.

Archivio del cinema italiano
Facebook Page Twitter Account YoutTube Channel Instagram Profile