NASCE IL CONSIGLIO CINEMA, AUDIOVISIVO, DIGITALE DELL’ ANICA

L’ANICA cresce, con nuove realtà della filiera, per contribuire a rafforzare la catena del valore nel mondo dell’audiovisivo, attraversato da cambiamenti profondi. Con l’obiettivo di migliorare le capacità produttive e creative delle nostre industrie e il rapporto col pubblico; accrescere il contributo alla ricchezza economica e produttiva, e all’occupazione.

Mercoledì 29 maggio 2019 si è insediato il Consiglio Cinema, Audiovisivo, Digitale, come deliberato dall’Assemblea ANICA del 9 aprile 2019. Il Consiglio nasce per affrontare le nuove sfide del settore con un confronto aperto ed innovativo tra imprese operanti nell’ambito dell’intera filiera, anche a seguito dell’adesione ad ANICA di nuove, significative aziende che operano oltre i differenti comparti tradizionali dell’Associazione (Produttori, Distributori, Industrie Tecniche).

La nascita del Consiglio era stata già annunciata durante l’incontro pubblico svoltosi l’11 aprile a Roma, alla presenza del Premier Giuseppe Conte: il Presidente ANICA Francesco Rutelli aveva anticipato caratteristiche e motivazioni del nuovo organismo (in applicazione e modifica dell’art. 6 dello Statuto dell’Associazione), portandole a conoscenza di tutti i partecipanti e dei media: ” vogliamo favorire la collaborazione tra i diversi segmenti della filiera, indispensabili per creare valore e per creare lavoro. L’ANICA è fortemente impegnata – in leale collaborazione con tutte le associazioni  e realtà della filiera – creando il neonato Consiglio del Cinema, audiovisivo e digitale, di cui fanno parte non solo le nostre tradizionali imprese, e le associazioni aderenti (Esercenti, Cartoonist, Esportatori), ma una nuova serie di realtà produttive: nuove imprese tecniche che sono fornitrici di servizi, creatrici di contenuti digitali e promotrici di talenti; produttori originari indipendenti che sviluppano nuovi  format e realizzano progetti per tutti i generi e linguaggi audiovisivi sino al completamento dell’opera; editori di contenuti audiovisivi specializzati – canali tematici – interessati a pubblici specifici (come bambini e ragazzi), chiamati ad investire in opere di espressione originale italiana.”

 

Per tutti gli aggiornamenti sul CONSIGLIO CINEMA, AUDIOVISIVO, DIGITALE e sullo stato di attuazione della Legge 220/2016

vai alla sezione dedicata al CONSIGLIO CINEMA, AUDIOVISIVO, DIGITALE nell’Area Riservata.

(aggiornamento – è disponibile il resoconto sommario della seconda riunione del Consiglio)

 

 

 

 

31/05/2019

Commenti chiusi.

Archivio del cinema italiano
Facebook Page Twitter Account YoutTube Channel Instagram Profile
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...