Dalla pagina al grande schermo. Incontro con Nicola Guaglianone: “INNOVARE LE STRUTTURE NARRATIVE”

“Occorre innovare le strutture narrative” – ha dichiarato lo sceneggiatore di “Lo chiamavano Jeeg Robot” Nicola Guaglianone all’incontro organizzato lo scorso 4 marzo da ANICA in collaborazione con DGBIC (Direzione Generale Biblioteche e Istituti a Culturali) – MiBACT e con Cineteca di Bologna sul rapporto tra cinema e scrittura.
Di fronte alla numerosa platea della Cineteca di Bologna, il vincitore del David di Donatello per “Lo chiamavano Jeeg Robot” e candidato anche quest’anno per la sceneggiatura del film “Indivisibili”, Nicola Guaglianone, ha rivissuto la genesi delle sue prime scritture, dal lavoro sulla serialità televisiva e sui cortometraggi sino all’inizio della collaborazione con il regista Gabriele Mainetti.
Durante l’incontro, moderato da Marco Spagnoli, Guaglianone ha illustrato ai presenti il suo approccio alla scrittura dei film di genere. L’obiettivo, ha sottolineato, è quello di realizzare film che possano piacere ma anche sorprendere il pubblico, lavorando sugli aspetti più conosciuti delle strutture narrative con l’ambizione di innovarle. Quanto all’ispirazione, lo sceneggiatore de “L’ora legale” di Ficarra e Picone e del prossimo film di Carlo Verdone ha dichiarato di partire spesso da un’immagine fuori contesto o da una frase che ha sentito e stimolato per poi costruire scene e storie.
Come si può notare in “Jeeg Robot” e in “Indivisibili”, inoltre, nella definizione dei suoi personaggi, sempre caratterizzati e originali, risultano fondamentali i contesti sociali, che diventano a loro volta protagonisti della storia insieme agli attori.
L’iniziativa “Dalla pagina al grande schermo” continua dunque il percorso intrapreso per consentire, a studenti e anche a più ampie platee, occasioni di incontro, di dibattito e di scambio con l’obiettivo di far maturare una più profonda riflessione sull’importanza del processo letterario creativo e sul rapporto tra l’industria audiovisiva e l’editoria.
9 Marzo 2017

Commenti chiusi.

Archivio del cinema italiano
Facebook Page Twitter Account YoutTube Channel Instagram Profile