Tax Credit Esterno: Attrazione di investimenti da parte di imprese esterne al settore 

 

Alle imprese esterne al settore è riconosciuto un credito d’imposta al fine di incentivare gli investimenti nella produzione di film italiani (incluse le coproduzioni internazionali).

 

L’aliquota è fissata al 30% (a decorrere dal 1° gennaio 2020, 20%) degli apporti in denaro versati a titolo di investimento di rischio per la produzione di film di nazionalità italiana di lungometraggio, in esecuzione di contratti di associazione in partecipazione stipulati con produttori indipendenti italiani. In caso di investimento su opere che abbiano ottenuto i contributi selettivi previsti dall’articolo 26 della Legge 14 novembre 2016, n. 220, l’aliquota è del 40%.

 

Il credito d’imposta può essere fruito fino all’importo massimo annuo di euro 1.000.000 per impresa e di euro 2.000.000 per gruppo di imprese.

 

Per maggiori dettagli sul procedimento per il riconoscimento del credito d’imposta leggi il decreto 15 marzo 2018 – Disposizioni applicative dei crediti di imposta nel settore cinematografico e audiovisivo, di cui agli articoli 16, 17, comma 1, 18, 19 e 20, della legge 14 novembre 2016, n. 220 Art 25-26- 27 -28-29- 30 Cap VI

Archivio del cinema italiano
Facebook Page Twitter Account YoutTube Channel Instagram Profile