Contributi selettivi Legge Cinema: Dichiarazione ANICA sugli assistenti agli esperti nominati da Franceschini

Per dare un contributo fattivo a rendere operativa al più presto la nuova legge cinema molti professionisti del settore, sia autori che imprenditori, hanno dato la loro disponibilità ad assistere i cinque esperti nominati dal Ministro Franceschini, che dovranno deliberare su tutte le domande di contributo selettivo (scrittura, sviluppo, produzione, distribuzione in Italia, distribuzione internazionale, esercizio). Come è noto, il processo di attuazione della nuova legge ha causato una sospensione dell’attività di sostegno diretto per tutto il 2017: i nuovi bandi sono usciti a fine anno scorso e le domande giacenti sono alcune centinaia. Per recuperare un ritmo fisiologico, saranno presto emanati anche i bandi 2018, con le relative domande che si sommeranno alle precedenti. La situazione rischia quindi di aggravarsi, causando un forte contraccolpo negativo sull’intera filiera del cinema italiano, bloccando di fatto l’attività produttiva. Sembra evidente che cinque persone, per quanto estremamente esperte, si troverebbero di fronte a una mole di lavoro impossibile da evadere con la serenità e l’accuratezza necessarie, se non trovassero la collaborazione di persone di loro fiducia. Il sistema francese, spesso richiamato e preso ad esempio per essere il più maturo e avanzato nel settore audiovisivo, offre una chiara indicazione di come il processo selettivo possa essere coadiuvato dalla disponibilità di competenze cercate espressamente all’interno del settore interessato. Medesimo principio guida la selezione dei progetti finanziati dal Programma Europa Creativa – MEDIA, che si avvale di professionisti accreditati in tutte le procedure di assegnazione di contributi finanziari. Ritenendo ragionevole il metodo, ed utile condividere esperienze di comprovato successo a livello internazionale, molti professionisti del cine-audiovisivo – anche tramite le associazioni rappresentative – stanno dando la propria disponibilità al servizio degli esperti, senza porre condizioni di nessun tipo, nell’assoluto rispetto di regole a tutti chiare e da tutti condivise, a partire da quella sull’assenza di conflitto di interessi. Condividono l’idea che in questo modo gli esperti possano avere come assistenti altre persone competenti del settore: un contributo prezioso per gestire rapidamente, con la correttezza e il rispetto indispensabili, una così grande mole di lavoro. La nuova legge chiama tutti a nuove sfide e ad assunzioni di responsabilità inedite. Un settore maturo è in grado di rispondere e di sottoporsi al controllo sociale senza nulla temere, adottando la massima trasparenza e seguendo principi di rappresentanza, di solidarietà e di sussidiarietà. Come ANICA, attraverso la disponibilità’ dei nostri associati, tutti invitati a candidarsi con nota in data 29 gennaio 2018, cercheremo di dare un responsabile contributo perché la nuova legge possa funzionare al meglio, nel più breve tempo possibile.

Condividi suShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Commenti chiusi.

Archivio del cinema italiano
Facebook Page Twitter Account YoutTube Channel Instagram Profile
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...
...